Allerta: cosa succede con le scuole. Aperte a Leivi, Carasco e Zoagli

ZONE ALLERTA

Con l’allerta divenuta arancione (leggi qui i dettagli), le scuole saranno, per lo più, chiuse nella mattinata di domani, 19 ottobre.

Ci sono alcune eccezioni: a Leivi rimarranno aperte, così come a Zoagli. Scuole aperte anche a Carasco, che, come sottolinea il sindaco, Massimo Casaretto, essendo in bacino grande, non è in allerta arancione ma gialla.

A Chiavari, si applica il regime consueto in caso di allerta arancione. Per quanto riguarda le scuole, pertanto, sono chiuse quelle in viale Millo 4, istituto Assarotti, via Castagnola 2 -4 e 11 -15A, via Santa Chiara 20. È vietato stazionare lungo i corsi d’acqua, sono sospese le attività in alveo, la raccolta della spazzatura porta a porta, lo spazzamento meccanizzato delle strade. Si parcheggia liberamente, senza limiti di tempo, nei posti bianchi, da un’ora prima dell’inizio ad un’ora dopo il termine dell’allerta.

Certamente chiuse a Santa Margherita, Rapallo (per la precisione, nel caso di Rapallo, si tratta di sospensione didattica, per cui il personale delle scuole sarà comunque presente), Sestri Levante ed in Fontanabuona.

Scuole chiuse in val d’Aveto, benché lì l’allerta si concluda già di primo mattino. Aperte, invece, a Camogli e Recco, dove, allo stesso modo, l’allerta arancione termina alle 7.

Rinviata la partita di Coppa Italia tra Rivasamba e Genova Calcio, che era in programma stasera alle 19.15. La Rapallo Nuoto fa sapere che la piscina del Poggiolino chiuderà stasera (18 ottobre) alle 20.45.

Intanto, a Moneglia la strada comunale San Lorenzo – abitato località Crova sarà temporaneamente chiusa al transito veicolare e pedonale fino alle 11 di domani mattina, a causa di possibili fenomeni di dissesto del corpo stradale. L’accesso è consentito solo dalla statale 1 Aurelia.