“Andersen dimezzato”, le critiche dell’opposizione di centrosinistra alla giunta

andersen festival sestri levante 2024

L’Andersen Festival a Sestri Levante prosegue ancora oggi e domani ma divampano le polemiche nella città dei due mari.

Il gruppo consiliare di opposizione Progresso per Sestri – Sestri un passo avanti critica l’amministrazione comunale che avrebbe “dimezzato l’Andersen”.

“Da 27 anni i primi giorni di giugno per Sestri Levante sono sinonimo di gioia, allegria, festa, racconti, fiabe – ricordano i consiglieri comunali del centrosinistra, Marcello Massucco, Elisa Bixio, Gabriele Ovindo e Roberto Montanari – quelle di Premio Andersen che da 57 anni accompagna il nome della nostra città in giro per il mondo descrivendo luoghi incantati che già nel 1833 affascinarono lo scrittore danese di passaggio in Liguria. Ad ogni edizione si rinnovava la magia con grandi artisti e preziosi incontri per raccontare il valore delle favole, parlare di arte, descrivere altre realtà, creare quel filo che unisce conoscenza, stupore e divertimento. In tutti questi anni Festival Andersen è stato anche una bella vetrina per Sestri, uno strumento di comunicazione per descriverne le bellezze e far crescere ancor di più l’interesse turistico per la nostra città. L’edizione di quest’anno, nonostante importanti risorse economiche ha visto la riduzione dei giorni da 15 a solo 4 – concludono i consiglieri di minoranza – con un programma con spettacoli a pagamento in orari poco fruibili e con una promozione frettolosa dell’ultimo minuto e poco efficace. In buona sostanza un Andersen dimezzato in un momento in cui la città avrebbe bisogno di una buona dose di energia e tanto impulso promozionale”.