Arancia meccanica nel Tigullio, arrestato il presunto capo di una banda dedita a pestaggi

3

C’è un arresto, a seguito di indagine per un’aggressione di gruppo, avvenuta la scorsa estate a Santa Margherita.

Era la fine di agosto e, di ritorno da una serata in discoteca, due ragazzi milanesi furono avvicinati da un nutrito gruppo di giovani, tra cui diversi minorenni, che li provocavano. Uno dei turisti, alla fine, era stato vittima di un violento pestaggio,  nei pressi della stazione ferroviaria. I carabinieri della compagnia di Santa Margherita, al termine di un’indagine, sono risaliti a quello che ritengono uno degli aggressori, 25enne. Oggi, in esecuzione di un’ordinanza di custodia cautelare, l’indagato è stato sottoposto all’obbligo di dimora nella propria casa, con divieto di uscita nell’orario serale e notturno. Secondo quanto sospettato dai militari, il 25enne ha agito, sinora, all’interno di una banda organizzata, denominata “Drughi”, in quanto composta da seguaci del personaggio di Arancia meccanica, protagonista, appunto, di aggressioni e violenze. Questi avrebbe avuto il compito di individuare le possibili vittime, per poi raggiungerle in gruppo, provocarle con pretesti futili, dare vita a pestaggi che, in fin dei conti, dovevano soltanto rimarcare una supremazia territoriale, perché non coincidevano con rapine. I militari stanno procedendo ad ulteriori accertamenti su altri sette episodi avvenuti nel Tigullio e possono contare adesso anche sul contenuto di sette telefoni cellulari, sequestrati dalla casa del ragazzo.