Chiavari si prepara all’ordinazione di Mons. Calogero Marino

La piazza della Cattedrale sarà chiusa al traffico
La piazza della Cattedrale sarà chiusa al traffico
La piazza della Cattedrale sarà chiusa al traffico

Attesi tre pullman da Savona, posti riservati anche per ammalati, sacerdoti, religiose, autorità, stampa e la delegazione ecumenica. Due televisori riprenderanno la cerimonia per chi non riuscirà a entrare. Non ci sarà bisogno di pass.

A Chiavari si entra nel vivo dei preparativi per l’ordinazione episcopale di Mons. Calogero Marino, in programma sabato alle 15.30 nella Cattedrale di N.S. dell’Orto. La Diocesi informa che per accedere all’interno della basilica non sarà necessario alcun pass. I fedeli che non troveranno posto in Chiesa potranno seguire la celebrazione attraverso due televisori collocati uno all’esterno della Cattedrale, nell’area del pronao, e l’altro nell’Aula Magna del seminario vescovile. Sono stati riservati i posti agli ammalati, accompagnati dai volontari Unitalsi, nel transetto a lato destro della Cattedrale. Spazi riservati anche per i sacerdoti, le religiose, le autorità, la stampa, la delegazione ecumenica con i rappresentanti delle confessioni cristiane presenti in diocesi. Ci sarà posto anche per i fedeli della Diocesi di Savona – Noli: tre i pullman attesi da Savona, per i quali saranno riservati i posti auto lato monte in Viale Arata. Piazza N. S. dell’Orto sarà chiusa al traffico. Al termine della cerimonia il neo vescovo Mons. Marino sarà lieto di salutare i presenti nel cortile del Seminario, dove si svolgerà un breve momento conviviale, al quale hanno contribuito il Villaggio del Ragazzo e gli studenti della Scuola Alberghiera di Lavagna.Si sta, inoltre, organizzando un pullman che parta da Chiavari per tutti quei fedeli che desiderino accompagnare Mons. Gero Marino al suo ingresso nella Diocesi di Savona Noli domenica 15 gennaio 2017. Per informazioni ci si può rivolgere alla segreteria della parrocchia di Maria Madre della Chiesa a Lavagna entro il 30 dicembre 2016.