Chiavari: si torna bambini con il Pinocchio di Lunaria Teatro

Pinocchio

È andata in scena ieri sera nel giardino di Palazzo Rocca la seconda rappresentazione legata ad “Obiettivo Creatività”, il progetto per la valorizzazione a rete di Capoborgo, antico nome del complesso del palazzo e del suo parco, organizzata da Lunaria Teatro e Comune di Chiavari.

“La nostra iniziativa – ha sottolineato l’assessore alla Cultura Silvia Stanig – vuole percorrere itinerari che coinvolgano sempre più le istituzioni e i luoghi storici del territorio comunale, con un obiettivo che abbracci a trecentosessanta gradi sia gli adulti che i bambini. Con Daniela Ardini, regista dello spettacolo, stiamo portando avanti da anni questa idea che, come vediamo, risulta sempre vincente e arricchente”.

Il pubblico è folto, famiglie e nonni coi bimbi, grandi protagonisti della serata per una fiaba sonora che vede sul palco un istrionico Andrea Benfante muoversi a proprio agio nelle varie stazioni, scenograficamente piazzate in maniera perfetta da Giorgio Panni.

L’attore è molto bravo nel coinvolgere i più piccoli e a trasportarli con sé nello sviluppo della favola di Collodi.

“Fatemi sentire come gorgoglia lo stomaco di Pinocchio affamato, ora voglio ascoltare il verso che fa la volpe o il rumore del gatto che mangia a quattro palmenti!”. Andrea snocciola una lettura frizzante, non perde mai il filo, tiene sempre alta la tensione ed è ripagato dall’attenta e puntuale partecipazione dei più piccoli, che tengono botta alle sue richieste.

“Il teatro è cultura, condivisione, crescita – aggiunge l’assessore – e ciò si traduce in momenti importanti come questo, dove in platea ci sono tante generazioni.”

La fiaba più amata di tutti i tempi continua ad essere momento di spunti e di riflessioni che ritroviamo puntuali nella vita di tutti i giorni, e dal palco arrivano attimi ed emozioni che serviranno ai bambini in festa a non dimenticare il fatato mondo della fantasia.

Ed il cronista, tornato anch’egli infante, se ne va con nella testa un motivetto che nei primi anni di vita suonava nel giradischi del papà…a mille ce n’è nel mio cuore di fiabe da narrar, venite con me nel mio mondo fatato per sognar…per sognar!

Prossimo appuntamento di “Lunaria Teatro” il 18 Agosto con “Ditelo coi fiori”, spettacolare visita guidata del parco botanico di Villa Rocca in un percorso tra arte, letteratura, fiori e piante con gli attori di Lunaria ad interpretare poesie, monologhi, aforismi e divertissement sul tema.

Per informazioni e prenotazioni 010 2477045 o al 373 7894978.

Articolo di Salvo Agosta

L’intervista a Silvia Stanig: