Furti sui treni e nelle stazioni, due arresti

Furti sui treni e nelle stazioni, due arresti
La stazione di Genova Brignole

Uno fingeva di chiedere informazioni e l’altro sottraeva portafogli e cellulari: arrestati due 23enne marocchini. La polizia ferroviaria di Genova ha indagato a seguito di una decina di episodi.

Il gruppo di cui, secondo gli inquirenti, facevano parte, era stato protagonista di una decina di furti aggravati nelle stazioni o sui treni liguri. Un primo membro della banda avvicinava i viaggiatori, per lo più giovani o donne, mostrando un biglietto e chiedendo informazioni in italiano incerto. Un complice, a quel punto, interveniva per sottrarre al malcapitato che prestava aiuto il portafogli o il cellulare o l’i-pod. Dopo le segnalazioni agli uffici di Brignole, Principe e Sampierdarena, sono scattate le indagini della polizia ferroviaria, che ha messo insieme numerosi indizi su due giovani marocchini, entrambi di 23 anni e senza fissa dimora. Il tribunale di Genova ha emesso nei confronti dei due l’ordinanza di custodia cautelare in carcere, laddove i due sono stati condotti sempre dagli uomini della polizia ferroviaria.