“Garanzia Giovani”, i sindacati spiegano i contorni del progetto

Domenico Del Favero, segretario Cgil
Domenico Del Favero, segretario Cgil
Domenico Del Favero, segretario Cgil

Nel Tigullio gli iscritti sono già 467, di cui 134 impegnati in tirocini aziendali. Per iscriversi c’è tempo fino al 31 dicembre.

Cgil, Cisl e Uil precisano i contorni del progetto “Garanzia Giovani”, rivolto a ragazze e ragazzi di età compresa fra i 18 ed i 29 anni. Per iscriversi, tramite l’apposito portale, c’è tempo fino al 31 dicembre. Gli iscritti potranno usufruire di accoglienza ed orientamento da parte del Centro per l’Impiego di Chiavari. Gli interventi previsti solo la formazione mirata all’inserimento lavorativo, il servizio civile, l’autoimprenditorialità ed il tirocinio. Attualmente tutte le misure previste sono finanziate ad eccezione del tirocinio, poiché le adesioni hanno superato le previsioni di spesa. A fine ottobre nel Tigullio i giovani iscritti al progetto erano 467, di cui 134 impegnati in tirocini aziendali. Altri 60 erano in attesa di iniziare il loro tirocinio. I sindacati auspicano che la Regione attivi al più presto i percorsi formativi. I corsi previsti nel Tigullio sono: ristorazione, estetista, amministrativo, contabilità, paghe e contributi, fotovoltaico, saldatura, decoratore edile, autocad e domotica. Secondo Cgil, Cisl e Uil il progetto sta dimostrando delle criticità in particolare sui tempi di attivazione delle varie fasi, ma si tratta comunque di uno strumento che può rivelarsi utile soprattutto per quei giovani che da tempo hanno smesso di studiare o cercare lavoro.