Green pass fasulli, quattro indagati tra Liguria e Valle d’Aosta

green pass

Un’operazione condotta dalla Polizia di Stato ha portato all’esecuzione di quattro perquisizioni tra Genova ed Aosta, nei confronti di soggetti che avevano alimentato un vero e proprio “business” legato alla compravendita di Green Pass falsi.

In particolare, quattro persone, tra 29 e 51 anni, tutti occupati, in contatto tra di loro, si sono adoperati per ottenere il green pass per se stessi e procurarlo anche a loro conoscenti, dando vita ad una rete illecita mediante la quale il potenziale cliente inviava i dati anagrafici e un pagamento parziale a titolo di acconto, e il produttore restituiva telematicamente le certificazioni contraffatte, ottenendo il resto della somma. La polizia postale prosegue con l’analisi dei contenuti dei dispositivi per individuare le modalità connotate da tecnologia avanzata attraverso le quali riescono a generare un QR Code associato al nominativo, tanto da risultare “in regola” in occasione dei controlli tramite app di verifica.