Il consiglio regionale chiede di abbassare i canoni demaniali alle associazioni

foto_muzio_fincantieri

Porre urgentemente in essere, in sede di Conferenza delle Regioni e di Conferenza Stato-Regioni, iniziative finalizzate a rimodulare al ribasso in maniera significativa l’aumento a 3.377,50 euro del canone nazionale per l’utilizzazione di aree e pertinenze demaniali marittime da parte di associazioni senza scopo di lucro.

E’ quanto chiede un ordine del giorno presentato dal capogruppo di Forza Italia Claudio Muzio, sottoscritto da tutti gli altri capigruppo e approvato all’unanimità nel corso della seduta di Consiglio Regionale di ieri. Commenta Muzio: “L’aumento esponenziale dei canoni dovuti dalle associazioni senza scopo di lucro, tra cui quelle di pesca sportiva e ricreativa, rischia di mettere in gravissima difficoltà queste realtà, che costituiscono anche per la Liguria un importante patrimonio e presidio sociale, da tutelare e preservare, anche in ragione della custodia delle tradizioni locali che esse garantiscono e promuovono”.