Il ricordo di Marco Di Capua ad un anno dalla scomparsa

messa di capua

Ricorre oggi l’anniversario dell’improvvisa scomparsa di Marco Di Capua, vittima di un malore del tutto inatteso, quando era sindaco di Chiavari.

La moglie Michela Canepa, oggi vicesindaco, era in prima fila, questa mattina, in cattedrale, insieme con i figli Elisa ed Edoardo e con il suocero Pino, per la messa con cui è stato ricordato Marco Di Capua, ad un anno dalla scomparsa. Presenti anche l’attuale primo cittadino, Federico Messuti, gli altri membri della giunta, molti consiglieri comunali, esponenti dei partiti, delle associazioni chiavaresi, della società civile, ed anche autorità militari, per una cattedrale quasi gremita, malgrado il giorno feriale e l’ora (8.30) . “Nel cuore dei chiavaresi resteranno a lungo impressi: il suo amore per la gente, i modo gentili, affabili, la capacità di ascolto, l’attenzione alle problematiche sociali e alle persone più svantaggiate, l’nestà, la competenza tecnica, l’abilità di mediazione”: sono le parole con cui ha iniziato la celebrazione il vescovo diocesano, monsignor Giampio Devasini, che ha celebrato la funzione, affiancato dal canonico della cattedrale don Mimmo Borzini, da prete Rinaldo Rocca e dal parroco di Ri, don Alberto Gastaldi.

Questa sono le parole di Messuti: ““Un anno fa ci lasciava un amico e un grande sindaco, un esempio per tutti noi. Il suo ricordo è ancora vivo nella nostra comunità, nei cittadini e in tutti coloro che lo hanno conosciuto. La sua passione, la sua competenza e la sua capacità di ascolto sono un esempio per tutti coloro che si approcciano alla vita politica amministrativa. Proseguiremo il progetto che abbiamo iniziato insieme cinque anni fa, per continuare a migliorare Chiavari”.

Il Il Movimento 5 Stelle di Chiavari ha inviato una nota per dire di unirsi “al ricordo del sindaco Marco di Capua, il dialogo con lui è sempre stato pacato e costruttivo, una persona di grande spessore ed empatia”.