Il vento fa cadere alberi in entroterra. A Rapallo polemiche sul ponte mobile

IMG-20190202-WA0017

E’ già finita l’allerta per le località che abbiano solo bacini piccoli.

Rimangono in arancione sino alle 10, e poi in gialla sino alle 15, quelle con bacini medi e grandi. In realtà, di pioggia non ne è caduta molta, anche se si temeva il cumulo dopo quella di lunedì e martedì. La cumulata è di 26 millimetri ai laghi di Giacopiane, 28 a Lorsica, 21 a Cichero. Dati non rilevanti, invece, sulla costa.

Ora, si prevede un progressivo ritorno del bel tempo, che comprenderà la giornata di domani. Da domenica, però, si prevede di nuovo pioggia, anche lunedì e martedì. Il COmune di Chiavari ha già annullato la “passeggiata tra gli ulivi” in programma domenica.

A creare problemi è stato il vento. I vigili del fuoco di Chiavari sono dovuti intervenire più volte, in entroterra, per alberi pericolanti o caduti, da tagliare per liberare le strade. È avvenuto in Valle Sturla e a San Martino del Vento, in alta Fontanabuona. A Rapallo, ancora sollevato, ma non per l’allerta, il ponte mobile di piazza Cile, perché due delle centraline si sono guastate con la piena di lunedì sera. Si attende la sostituzione nel corso della giornata di oggi. Polemizza il candidato sindaco Andrea Carannante: “Un ponte che è stato concepito per le grandi piogge, che si guasta quando piove troppo è la fotocopia delle pompe di sollevamento in passeggiata concepite per i temporali, che si guastano quando i temporali fanno mancare la corrente”.