La sabbia prelevata dai torrenti diventa possibile materia di pagamento del lavoro stesso

Un provvedimento per favorire le pulizie
Un provvedimento per favorire le pulizie
Un provvedimento per favorire le pulizie

La giunta regionale ha reso operativi i nuovi criteri per le manutenzioni dei corsi d’acqua: i Comuni potranno offrire alle ditte appaltanti di prendersi i materiali dragati.

Sono diventati operativi i criteri varati dalla giunta regionale, su proposta dell’assessore alla Difesa del suolo, Giacomo Giampedrone, sulle modalità di manutenzione dei corsi d’acqua, che prevedono il meccanismo della compensazione. La competenza delle manutenzioni straordinarie spetta di Comuni, che, invece del pagamento diretto dell’appaltatore, possono proporre a questo la consegna del materiale estratto, che potrà essere riutilizzato dall’azienda in questione.  “Si tratta di una ulteriore risposta che abbiamo voluto dare nel più breve tempo possibile ai problemi di difesa del suolo che ancora una volta si sono manifestati in Liguria, anche a seguito degli ultimi episodi di maltempo –  spiega Giampedrone –  introducendo un’importante innovazione che è stata condivisa anche dalle amministrazioni comunali che hanno espresso parere favorevole”.