L’amministrazione di Chiavari risponde alle opposizioni su Lido, piazza Verdi, Cittadella

spazio Lido 1

L’amministrazione comunale di Chiavari risponde su tutte le questioni sollevate oggi dalle opposizioni.

Sul restauro di piazza Verdi, dice il sindaco Federico Messuti: “Il progetto prosegue ma per installare i plinti di basamento della nuova illuminazione pubblica ma è stato necessario chiedere la demolizione di alcuni reperti storici del sottosuolo e stiamo attendendo questo nuovo provvedimento da parte della Soprintendenza”. Ai consiglieri Orecchia e Giardini che chiedono conto della mancanza di sviluppi sul Palazzo della Cittadella, lo stesso Messuti aggiunge: “Vogliamo renderlo un contenitore culturale a 360 gradi, aperto a tutti, vivo e funzionale. Gli uffici tecnici stanno attendendo (anche in questo caso) il parere della Soprintendenza in merito al progetto definitivo per la riorganizzazione dei locali, realizzato dall’architetto Cristina Zattera”. Da ultimo, “il nuovo Spazio Lido è dotato di riscaldamento e, quindi, fruibile durante la stagione invernale”, anche se, ovviamente, “per legge, i riscaldamenti non possono essere accesi prima dell’8 di novembre”. Il presidente del consiglio Antonio Segalerba, facendo sapere che al secondo giorno di apertura il Lido ha avuto un controllo dalla Asl, commenta: “Evidentemente l’opposizione è preoccupata dal successo e dell’apprezzamento ottenuto dal nuovo Spazio Lido. Sono 225 gli accessi registrati da lunedì 16 a giovedì 19 ottobre, che si traducono in una presenza giornaliera media di 56 persone”.