Lavagna, il Consiglio dei Ministri decreta lo scioglimento per infiltrazioni mafiose

Lavagna, il Consiglio dei Ministri decreta lo scioglimento per infiltrazioni mafiose
Slittano così le comunali a Lavagna

In base all’articolo 143 del decreto legislativo 18 agosto 2000 n. 267, il Consiglio dei ministri ha deliberato lo scioglimento per infiltrazioni da parte della criminalità organizzata del Consiglio comunale di Lavagna. 

Il Consiglio dei ministri ha deliberato lo scioglimento per infiltrazioni da parte della criminalità organizzata del Consiglio comunale di Lavagna. Lo si legge nel comunicato stampa del Consiglio dei Ministri, che si è mosso in base all’articolo 143 del decreto legislativo 18 agosto 2000 n. 267, su proposta del Ministro dell’interno Marco Minniti. Una notizia che ci si aspettava da Roma, dove era approdata la relazione della Prefettura di Genova basata sul lavoro della commissione incaricata di verificare la situazione interna alla macchina comunale a seguito dell’inchiesta sulle infiltrazioni della ‘ndrangheta che aveva portato alla caduta dell’amministrazione Sanguineti. Con lo scioglimento slitta il voto per le comunali: la legge infatti prevede il commissariamento per 12 mesi o per 18, con la possibilità di prolungamento fino a 24 mesi. La durata del commissariamento e le nomine dei tre commissari saranno rese note con Decreto del Presidente della Repubblica nei prossimi giorni.