Neri Marcorè chiude il Festival della Comunicazione di Camogli

Copertina articolo neri marcorè festival comunicazione camogli

C’è sempre di che stropicciarsi gli occhi e le orecchie al Festival! Anche nella serata conclusiva non mancano le emozioni suscitate da un’artista completo e impeccabile come Neri Marcorè, che si mette sulle spalle, assieme al fido scudiero Domenico Mariorenzi – al piano e alle chitarre – l’arduo compito di ripercorrere alcuni tratti della carriera di Giorgio Gaber, attraverso canzoni e monologhi, seguendo un sentiero diverso dai soliti conosciuti.

E il risultato è perfetto nella riproposta di quel teatro – canzone che il Signor G intraprese con una vena innovativa che lo distingueva e lo poneva al centro di una forma di spettacolo che suscitava fortissimi consensi e al tempo stesso dava il là a profonde riflessioni.

Neri fa rivivere Giorgio sul palco, ci rimanda le sue note ironiche, beffarde, graffianti, rilanciando i suoi messaggi che continuano a essere straordinariamente attuali, in quel continuo inseguirsi di pensieri e considerazioni che indagano i meccanismi dell’animo proprio e di chi ci sta intorno.

L’artista marchigiano, in questo suo percorso di rilettura farcito con alcuni capolavori di poesia, non si dimentica di regalare anche i classici del repertorio di Gaber e invita il pubblico a festeggiare questa decima edizione del festival con un bel brindisi collettivo a base di “Barbera e Champagne”. Marcorè dirige e la platea risponde ai suoi comandi, in un’aria di festa collettiva che rimane una delle tante e belle sensazioni che la manifestazione continua, di anno in anno, a rimandarci.

A fine serata, Danco Singer e Rosangela Bonsignorio consegnano all’artista il Premio Comunicazione 2023, con una motivazione che mette in risalto il talento e le doti poliedriche e istrioniche di un uomo che attraversa con disinvoltura ogni forma di spettacolo.

Chiudono la kermesse, sfilando sul palco, gli oltre cinquanta volontari che muovono con magica sincronia il festival.

Dalla “Memoria” alle “Speranze”, nuovo tema per l’edizione 2024 dal 12 al 15 Settembre, sempre a Camogli naturalmente!

Salvo Agosta