Orecchia vuole conoscere il nome dell’autore del cartello che offese la funzionaria

Nicola Orecchia

A Chiavari, il consigliere di opposizione Nicola Orecchia ha presentato un’interrogazione e una richiesta di accesso agli atti, per conoscere chi, personalmente, abbia voluto redigere il cartello, affisso nel 2018 tra via Botto e via Delpino,

che il tribunale, in primo grado, ha riconosciuto offensivo verso una funzionaria della Soprintendenza, accusata di aver bloccato i lavori che l’ente pubblico stava eseguendo. “Il Tribunale – rileva Orecchia – ha ritenuto che il cartello fosse ingiustificatamente offensivo della competenza e professionalità della funzionaria e non rispondente alla veridicità dei fatti. Per questo, il Comune deve pagare complessivamente 33 mila euro e con il ricorso in Appello siamo già a 40 mila per le ulteriori spese legali. Un vero spreco di denaro pubblico”.