Parco di Portofino, il ministro riaccende il dibattito

Manifestazione per parco di portofino

A margine dell’Assemblea Anci di Genova, presente il ministro dell’Ambiente, Pichetto Fratin, si è tornati a parlare del Parco nazionale di Portofino.

Secondo la deputata Pd Valentina Ghio, che annuncia una nuova interrogazione sul tema, “la proposta di Toti di un Parco a tre non corrisponde alla necessità di unire fra loro varie aree del territorio meritevoli di essere tutelate per il loro valore ambientale e paesaggistico e dimentica le esplicite richieste di ingresso di alcuni comuni”. Fa eco il capogruppo in consiglio regionale Luca Garibaldi: “Sia l’area del Santuario di Montallegro a Rapallo che quella delle Grazie a Chiavari, sarebbero state coerenti all’interno del Parco e non si capisce perché siano state escluse, se non per motivi politici. Queste aree hanno un riconosciuto valore ambientale da tutelare, tanto che la Regione ha sostenuto che, pur non facendone parte, dovrebbe essere il Parco Nazionale a gestirle in futuro”. Replica il vicepresidente e assessore ai Parchi della Regione, Alessandro Piana: “Non c’è nulla di anacronistico o di parte nel tutelare la biodiversità e le caratteristiche del promontorio di Portofino. Abbiamo infatti ristabilito un equilibrio, tenendo conto della maggioranza delle volontà espresse dal nostro territorio. Per il Parco di Portofino dunque la questione non è quella di precludere l’adesione ad altri Comuni, ma di seguire iter partecipativi, consentire la scelta in modo opportuno, non per decreto”.