Parco di Portofino, opposizioni sul piede di guerra

Parco Portofino

Le opposizioni in Regione sono sul piede di guerra dopo l’annuncio della riperimetrazione a tre Comuni del Parco nazionale di Portofino.

Secondo il segretario del Pd Tigullio, Alessio Chiappe, “è l’ennesima occasione persa per il Tigullio e la Liguria. La scelta del Ministro Fratin di confermare il perimetro proposto dalla Giunta Toti è solo frutto di un’imposizione politica della Lega a cui Toti ha ubbidito e che il Ministro ha avallato senza battere ciglio, ignorando quanto invece l’ampliamento dei confini potesse essere un volano per il territorio sia in termini ambientali che di sviluppo”. Dal circolo Pd di Rapallo, arriva questa considerazione: “Noi comunque non ci arrenderemo, continueremo a manifestare a favore di un grande Parco Nazionale, solo così infatti si svilupperà una vera politica comprensoriale, solo così ci sarà più lavoro, solo così il nostro fragile territorio verrà tutelato”. La consigliera Selena Candia, Lista Sansa, fa eco: “E’ l’ennesima prova di una politica che non rispetta la volontà dei territori, e che ascolta questi ultimi solo se danno ragione alla maggioranza”.