San Colombano Certenoli, commemorato l’eccidio del 1944

foto_sancolombano_1

E’ stato commemorato ieri mattina, a San Colombano Certenoli, l’eccidio del 30 ottobre 1944, quando 8 partigiani furono fucilati in località Pedagna. L’orazione ufficiale è stata pronunciata, al termine della Messa e dopo l’intervento del sindaco Carla Casella, dal consigliere regionale Claudio Muzio. Presenti anche numerosi sindaci e rappresentanti dei Comuni del Tigullio e suo entroterra, l’Arma dei Carabinieri, la Polizia Municipale ed una folta rappresentanza delle associazioni degli Alpini. Nella sua orazione, dopo aver ripercorso con un testo della storica locale Francesca Marini i fatti avvenuti a San Colombano alla fine di ottobre di 79 anni fa, Muzio ha sottolineato che ricordare i caduti nell’eccidio “non è soltanto un gesto di memoria, ma anche un elemento identitario, perché se oggi siamo qui, se siamo uomini, donne e comunità libere lo dobbiamo a chi ha sacrificato la propria vita per la libertà. Quello che emerge dal racconto dell’eccidio – ha proseguito il consigliere regionale – è il totale disprezzo della vita umana che fu alla base di quegli eventi. Un disprezzo che purtroppo vediamo in azione drammaticamente anche oggi, con la guerra in Ucraina e, più recentemente, con quanto accaduto in Israele il 7 ottobre scorso”.