Sestri Levante, oltre 6 milioni di euro per mettere le scuole in sicurezza

scuola media descalzo

La giunta di Sestri Levante ha approvato 6 progetti che proseguono il percorso di miglioramento e messa in sicurezza degli edifici scolastici cittadini e strutture di servizio.

Le progettazioni, per un investimento totale di oltre 6 milioni e 200 mila euro, verranno presentate ai bandi PNRR. “Quello per il miglioramento dei plessi scolastici è un percorso centrale nella nostra amministrazione e che portiamo avanti da anni, nella convinzione che poter usufruire di spazi adeguati, funzionali, all’avanguardia, siano fondamentali nel percorso scolastico dei nostri figli”, commenta la sindaca Valentina Ghio. I primi due progetti riguardano interventi sulle strutture sportive della scuola media di via Val di Canepa e della tensostruttura di via Lombardia. Nella prima è previsto l’ampliamento e adeguamento del corpo spogliatoi e servizi, e una riqualificazione della palestra esistente mediante interventi di efficientamento energetico e rifunzionalizzazione degli spazi, per un importo complessivo di euro 980 mila euro. Inoltre dopo la realizzazione del palazzetto dello sport di via Lombardia, è stata progettata la riqualificazione della tensostruttura e la demolizione e ricostruzione del blocco spogliatoi, che consentirà di triplicare gli spazi – da 45 a 130 mq -, con un investimento di 819 mila euro.Ancora la scuola di via Lombardia tra le progettazioni proposte con l’ampliamento della mensa scolastica, per un investimento di 800 mila euro. 481 mila euro poi per la scuola materna di via Marconi che vedrà una riqualificazione complessiva e un ampliamento degli spazi che consentiranno di aumentare le sezioni presenti da 2 a 3. Anche per la scuola materna di via Palermo sono stati progettati una serie di interventi di riqualificazione complessiva, di adeguamento sismico e un piccolo ampliamento che consentirà di dedicare ulteriori spazi ai laboratori. L’investimento complessivo ammonta a 760 mila euro.Un intervento da oltre 2,4 milioni di euro infine per la scuola materna di via Cagliari: per questo plesso è infatti prevista la demolizione e la ricostruzione di un edificio CLIMA a impatto zero, in analogia con il nuovo plesso di via Negrotto Cambiaso il cui progetto è inserito nella graduatoria provvisoria ministeriale. Il nuovo edificio, oltre a essere classificato come “NZEB” (a energia quasi zero) e antisismico, improntato all’efficienza energetica e alla sicurezza strutturale, consentirà l’ampliamento delle sezioni presenti, che saliranno a 5.