Si è spento Giancarlo Mordini: ha elevato il servizio della sanità nel Tigullio

Giancarlo Mordini

Lutto profondo a Lavagna ed in tutto il Tigullio. Si è spento ieri sera, novantenne, Giancarlo Mordini, titolare di negozio di ferramenta nel  centro storico, ben conosciuto come presidente del Comitato assistenza malati Tigullio. Il rosario sarà recitato oggi, giovedì 12 ottobre, alle 19 presso il Santuario di Nostra Signora del Carmine a Lavagna mentre i funerali si svolgeranno domani, venerdì 13 ottobre,  alle 15 nella Basilica di Santo Stefano sempre a Lavagna.

Con la sua azione, negli anni, Mordini ha raccolto una quantità straordinaria di fondi, tradottisi in apparecchiature per le strutture della Asl 4. Lascia, da vedere realizzato, anche se i lavori dovrebbero iniziare per fine anno, il progetto più ampio: l’ampliamento dell’ospedale di Lavagna, in modo che sia in tutto e per tutto un Dea di primo livello. Il Comitato assistenza malati ha contribuito largamente a questo progetto, che mantiene il Tigullio dotato di tutte le strutture sanitarie fondamentali. A lui si deve l’istituzione dell’Esculapio d’oro, riconoscimento che ha sancito professionalità e umanità come caratteri fondamentali di medico ed infermiere.

Di Mordini arriva un ricordo da parte del consigliere regionale Giovanni Boitano, che dice: “Schietto, diretto, sapeva rapportarsi con tutti, dalle persone più umili sino ai vari direttori della Asl 4 ben consci del lavoro che stava compiendo a favore del territorio. Con Telepace aveva portato la sanità nelle case di tutti. Nonostante il passare degli anni era instancabile pronto ad accettare sempre nuove sfide, con un unico obiettivo, la salute delle persone. Con la sua scomparsa il Tigullio perde un punto di riferimento importantissimo”.