The Wine Revolution, 80 espositori e 2.000 visitatori

the wine revolution

Si è conclusa lunedì scorso all’ex Convento dell’Annunziata di Sestri Levante la quinta edizione di The Wine Revolution, la fortunata rassegna di vino di filosofia naturale.

Gli organizzatori parlano di circa 2.000 visitatori, mentre i produttori, fra italiani ed esteri, erano oltre ottanta. Erano presenti anche sette eccellenze gastronomiche, dello street food e del settore alimentare. Nelle due giornate dell’evento i visitatori hanno potuto assaggiare i migliori vini naturali italiani e qualche produzione estera. Tra gli stand erano presenti anche i cosiddetti “garagisti”, vale a dire gli appassionati che producono vino in maniera autonoma all’interno del loro garage. «Siamo molto contenti e soddisfatti di aver superato come numero di presenze le cifre dello scorso anno», commenta l’organizzatore Paolo Cogorno, mentre un’altra organizzatrice, Nicoletta Zattone, sottolinea che dietro a The Wine Revolution c’è un grande lavoro che parte subito dopo la fine dell’edizione precedente.