Toti si dice tranquillo ed incassa la solidarietà della sua giunta. Nelle sue funzioni lo sostituisce il vicepresidente Alessandro Piana

Giovanni Toti

Dopo essersi confrontato con il suo avvocato il presidente della Regione Giovanni Toti, arrestato questa mattina, si è detto tranquillo e certo di aver agito esclusivamente nell’interessa della Regione e del territorio.

Dal punto di vista strettamente amministrativo Toti è stato sostituito pro tempore dal suo vice Alessandro Piana in tutte le sue funzioni nella pienezza dei poteri. «L’attività amministrativa della Regione prosegue senza soluzione di continuità», si legge in una nota diffusa dall’ente, mentre vicinanza a Toti viene espressa da Piana e dagli assessori della giunta, nonché da Ilaria Cavo, deputata e coordinatrice della Lista Toti, che si dice certa che il governatore saprà dimostrare l’estraneità alle contestazioni che gli vengono mosse. Toti è agli arresti domiciliari accusato di corruzione nell’esercizio della funzione e atti contrari ai doveri d’ufficio.

Le indagini sono coordinate dalle procure della Spezia e di Genova ed hanno per oggetto un sistema di tangenti e favori tra amministrazione regionale e mondo dell’imprenditoria. Destinatari di misure cautelari sono anche Paolo Emilio Signorini, Aldo Spinelli, Roberto Spinelli, Mauro Vianello, Francesco Moncada, Matteo Cozzani, Arturo Angelo Testa, Italo Maurizio Testa e Venenzio Maurici.