Un nuovo sistema a Chiavari monitora i torrenti Rupinaro e Campodonico

Questa mattina c
Questa mattina c'è stata la presentazione
Questa mattina c’è stata la presentazione

Tre sirene avvertiranno la popolazione in caso di pericolo: una è sul nuovo ponte di Via Castagnola, le altre due a Sampierdicanne. Il sistema è costato 40 mila euro.

L’amministrazione comunale di Chiavari ha presentato questa mattina il nuovo sistema di monitoraggio dei torrenti Rupinaro e Campodonico. Il sistema è composto da tre sirene, con allarmi sonori e visivi. Una è sul nuovo ponte di Via Castagnola, le altre due a Sampierdicanne, vicino alla Chiesa e sul ponte. Il funzionamento delle tre sirene è duplice: sono infatti collegate sia ai pluviometri collocati a Leivi, sia agli idrometri che si trovano sul rio Campodonico, nei pressi del palazzetto dello sport, sul Rupinaro, nella zona del ponte della Lames, ed ancora sul ponte nuovo di Via Castagnala. Gli idrometri fanno scattare l’allarme quando l’acqua si avvicina ad 80 centimetri dagli argini. “E’ un sistema già molto affidabile, che ora verrà ulteriormente tarato”, ha spiegato il consigliere delegato Marco Rocca. Alla presentazione è intervenuto anche il sindaco Roberto Levaggi, il quale ha sottolineato come per la messa in sicurezza di Rupinaro e Campodonico servirebbero 10/12 milioni di euro: “Con questo sistema costato 40 mila euro – ha detto – possiamo in ogni caso avvertire la popolazione in caso di pericolo e salvare delle vite”. Il sistema è stato realizzato ed installato dalla ditta Migrazioni. Questa mattina il funzionamento è stato illustrato da Vincenzo Melidona e Daniele Laiosa.